LE LEGGENDE DEI CASTELLI DELLA VAL CENO – LA LEGGENDA DI MONTE LAMA E PIETRA GEMELLA

LEGGENDA TRATTA DA: CONTI G. – LEGGENDE DELLA VAL CENO – CENTRO STUDI VAL CENO – 2015

LA LEGGENDA DI MONTE LAMA E PIETRA GEMELLA

Alle scarne notizie storiche sui castelli di Pietra Gemella e Monte Lama aggiungiamo una leggenda che già nel XII secolo veniva raccontata dai cantastorie e dagli abitanti delle zone vicine.

Narra dunque la leggenda che il Signore di Monte Lama ed il Signore di Pietra Gemella fossero divisi, ormai da molto tempo, da una grande inimicizia.

Il Conte di Monte Lama addirittura ordì una congiura per sterminare il rivale e la famiglia, in modo da estendere il suo dominio anche sulle terre di Pietra Gemella.

In una notte scura di dicembre avanzò cautamente con le sue truppe verso la rocca nemica, appostando i suoi uomini in un punto invulnerabile che egli, fin da giovane, conosceva;

Seguito da alcuni fidi avanzò verso una finestra della scala principale del Castello, per poter spiare le mosse del rivale e dare il segnale d’attacco convenuto;

Dalla posizione in cui era vide il Conte di Pietra Gemella, la famiglia e la servitù inginocchiati intorno ad un gran camino.

Tenendo l’orecchio udì i convenuti nella sala recitare il Rosario.

Tutto era pronto per l’assalto; le lame dei corti pugnali scintillavano alla luna appena sorta.

I bravi aspettavano l’ordine del loro padrone, ma egli restava muto, l’orecchio teso verso quelle preghiere.

Le orazioni stavano terminando, il Signore di Monte Lama sguainò la spada quando, con sua grande sorpresa, sentì chiaramente il Conte aggiungere: “Ora preghiamo per il nostro nemico di Monte Lama, dal quale siamo ormai divisi da tempo. Voglia Iddio che l’antica amicizia ritorni fra di noi al più presto”.

Queste parole scossero profondamente il nobile in agguato, il suo odio si sciolse come neve al sole. Lentamente abbassò la spada riponendola nel fodero.

Con brevi cenni ordinò ai suoi uomini di ripiegare in silenzio, riprendendo la strada di casa.

Ai primi bagliori dell’alba, dopo aver passato una notte insonne, tormentato dal rimorso di ciò che stava per accadere, fece sellare il suo cavallo e discese verso Pietra Gemella.

Bussò alla porta del castello e si gettò ai piedi del vecchio amico, al quale chiedendo perdono, confessò il suo criminale proposito.

La vecchia amicizia fu cosi rinsaldata ed i rancori vennero dispersi per sempre.

Leggenda raccontata da Giacomo Quintavalla di Bardi.

Foto Andrea Bergonzi.

3 pensieri riguardo “LE LEGGENDE DEI CASTELLI DELLA VAL CENO – LA LEGGENDA DI MONTE LAMA E PIETRA GEMELLA

  • 3 agosto 2017 in 5:59
    Permalink

    La foto che avete pubblicato in allegato a questo articolo è di mia proprietà. Avrei gradico una gentile richiesta alla pubblicazione o almeno la citazione dell’autore/proprietario. Spero in futuro non si ripeta questa violazione.
    Cordialmente,
    Andrea Bergonzi

    Risposta
    • 3 agosto 2017 in 6:01
      Permalink

      Pardon, ho visto ora, con carattere molto piccolo, l’indicazione della proprietà. Come non detto.

      Risposta
      • 4 agosto 2017 in 13:33
        Permalink

        Buon giorno sig. Bergonzi, la foto è secondo me molto bella e significativa e l’ho ripresa. Ho anche ingrandito l’indicazione della proprietà,non volevo mancarle di riguardo. Grazie per le mail distinti saluti da Giuseppe Beppe Conti

        Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *