IL CASTELLO DI SCOPOLO (Bedonia)

IL CASTELLO DI SCOPOLO (Bedonia)

By Giuseppe Beppe Conti FB

SCOPOLO ( Bedonia).

Di questo castello non rimangono vestigia; si conosce però che venne dato dal Comune di Piacenza ai nobili Cornazzani in premio della loro fedeltà verso il Comune di Piacenza (1141)…..”

(Pongini G. – Notizie storiche circa Bardi, il Ceno e suoi dintorni PC – Marchesotti – 1873 – Ristampa 1976).

                                                                                                    

Nel 1216 Alberico Landi acquistava la località dal Marchese Guglielmo Pallavicino.  Del castello non resta alcuna traccia.

VEDI ANCHE:

http://geo.regione.emilia-romagna.it/schede/castelli/index.jsp?id=2713

4 pensieri riguardo “IL CASTELLO DI SCOPOLO (Bedonia)

  • 29 giugno 2017 in 21:05
    Permalink

    Questo posto Lo chiamano “Il castellà”….

    Risposta
  • 20 settembre 2017 in 19:46
    Permalink

    Peccato non saperne di più…. Ci accontentiamo dei ricordi che i nostri vecchi ci hanno tramandato.
    Il posto è veramente bello e da lontano si presenta col monte un pò roccioso lato paese di Scopolo chiamato appunto Castellà, che fa da cornice ad un gruppetto di case dei Manoli. Intorno alla cima dove sorgeva il castello di cui rimangono le tracce delle mura perimetrali, c’era il paese Taddè che si estendeva fino ‘alle 4 strade della Bertiera’. che conducevano a Scopolo-Manoli-Pilati e Bardi. Nel crocicchio, circa nell’800 sorgeva una cappelletta con ‘la pietra santa’, dove veniva celebrata anche la messa e la gente di passaggio che la venerava con fede profonda, gettava le monetine dentro il cancelletto.Rimangono solo poche macerie e la croce rinvenuta è conservata nel museo della chiesa del paese intitolata a Santa Giustina V.M. Intorno si possono vedere ancora ora le rovine del paese e nelle vicinanze del castello, c’era una scala che conduceva ad una lunga galleria che arrivava vicino al sottostante Mulino della lecca e furono trovate delle trappole con spade rivolte all’alto e i reperti rinvenuti sono custoditi nel museo del castello di Bardi.

    Risposta
  • 1 ottobre 2017 in 13:39
    Permalink

    La ringrazio molto per queste interessanti notizie. Penso di conoscere abbastanza bene la fortezza di Bardi ma i reperti di cui lei parla custoditi nel museo del castello, proprio non li ho mai visti ne sentiti nominare.

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *